N.B.: sito non più aggiornato (ultimo aggiornamento: giugno 2014)

La nostra assunzione era già programmata nel lontano anno 2008.

 

Tra le cinque delibere di giunta varate in nostro favore, l’ultima – risalente al 20 novembre 2009 – stabilì l’assunzione di una prima parte degli idonei di categoria C e D (complessivamente 74 in virtù di alcune rinunce), in quanto non vi sarebbero state più le risorse economiche necessarie per assumere tutti.

 

Ci venne promesso pubblicamente dal Presidente e dal settore Risorse Umane della Regione Campania che, se il Consiglio Regionale avesse approvato il nuovo esodo incentivato (prepensionamento) previsto per i dipendenti della Regione Campania, anche i restanti 50 idonei di categoria C e D sarebbero stati assunti in quanto sarebbero venute nuovamente fuori le risorse economiche necessarie per la nostra assunzione globale.

Nell'ambito della manovra di bilancio per il 2010, l’esodo venne approvato dal Consiglio Regionale durante la notte del 31 dicembre 2009.

 

Durante tutti gli anni successivi (nel mese di maggio 2010, si insediava la Giunta Regionale successiva a quella che bandì il concorso), però, nel frattempo, sciaguratamente per noi nulla è cambiato.

 

L'ultimo assurdo atto del Consiglio Regionale fu l'anticipazione della scadenza, delle nostre graduatorie: in un primo momento, infatti, essa era stata fissata dallo stesso Consiglio al 31 dicembre 2013, salvo poi essere successivamente anticipata al 30 giugno 2013.

 

Soltanto la Legge della Repubblica 30 ottobre 2013, n. 125, ha poi sancito, come data di scadenza delle graduatorie, il 31 dicembre 2016, per cui noi chiediamo all'attuale Presidente della Regione e al relativo Assessore al Personale che venga responsabilmente ripreso e subito perfezionato il percorso amministrativo che doveva portare alla nostra assunzione.

Da Costituzione della Repubblica Italiana art. 97 comma 3:

Agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si accede mediante concorso, salvo i casi stabiliti dalla legge.

 

Da Statuto della Regione Campania (Legge Regionale n. 6 del 28 maggio 2009) art. 67 comma 1:

Agli uffici della Regione si accede per pubblico concorso, salvi i casi previsti dalla legge.

 

Noi abbiamo superato tutte le prove di un duro concorso pubblico con 230.000 candidati iniziali. Eppure in moltissime occasioni è stata data priorità ad altri soggetti (consulenti esterni, "comandati", L.S.U.) che non hanno tale titolo.